Questo non è un giorno perfetto.

Muore Lou Reed e io acquisisco la notizia mentre un autobus mi porta a Testaccio. In questo quartiere mi attende una coppia di amici per un aperitivo: sono contenta di questa domenica sera di malinconia sfumata. Le bollicine di un ottimo Pimm’s Royal sono microscopici cuscini d’aria su cui poggiano i miei pensieri di tristezza per la morte di Lou Reed. Il sorriso della mia amica e futura madre mi fa sentire bambina protetta e una fragola fuori stagione è il mio cibo di consolazione. Su una parete del locale posso leggere una scritta che più o meno dice “un angolo di New York a Testaccio” e mentre sono in fila per il buffet scopro che è appena entrata una persona che non vedevo da un anno e con cui ho condiviso una grande mela. Sono incredula,imbarazzata e imbastisco frasi di circostanza che non mi appartengono. Perché a questa persona vorrei dire altro e soprattutto presto. Questo non è stato un giorno perfetto ma di certo memorabile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...